Città del Capo: City Bowl

Capitale legislativa del Sudafrica, Città del Capo è la terza più popolosa del paese. Il suo centro, detto City Bowl si trova, come dice il nome stesso che significa “conca cittadina”, in una depressione posta tra molti rilievi, tra cui il più famoso è il Tafelberg o Table Mountain (montagna tavolo), caratterizzato da una sommità totalmente pianeggiante, spesso coperta da una nube che viene chiamata table cloth, ossia tovaglia, appunto.

Ciò che rende interessante questa città è il mix architettonico tra gli edifici in stile coloniale e i grattacieli moderni con lussuosi giardini botanici. A testimonianza di questo fatto è la moltitudine di differenti quartieri presenti a città del capo.

Il più importante tra questi è Adderley, che comprende la strada più storica della città, che la attraversa da nord a sud e comprende la maggior parte dei musei e degli edifici storici, tra cui il South African Museum, che ospita documenti delle culture antiche del luogo, e la South African NAtional Gallery, che ospita opere d’arte moderna.

In questo quartiere è inoltre affascinante passeggiare lungo la piazza di Green Market che ospita un bellissimo mercatino. Città del Capo comprende, inoltre, un quartiere malese, chiamato Bo-Kaap, caratterizzato da numerose moschee e case di colori molto sgargianti, risalenti al primo XIX secolo, dove vivono, per la maggior parte, artisti, yuppie e musulmani.

La meta più ambita della città rimane comuaneu il molo del Victoria & Alfred Waterfront, che comprende il museo marittimo e il Two Oceans Acquarium, enorme acquario che permette di osservare la fauna e la flora degli oceani Atlantico e Indiano da vicino.

La zona della città più esclusiva è detta Constantia, dove hanno la propria residenza in splendide ville personaggi famosi, quali lo scrittore Wilbur Smith, e le famiglie più importanti e storiche.

Città del Capo è una meta molto importante a livello turistico in Sudafrica per le sue molte attrazioni e per il suo clima ottimale. Le attrazioni più rilevanti sono quelle paesaggistiche e faunistiche, tra cui Boulders Beach, colonia di pinguini africani, e Capo di Buona Speranza, riserva naturale ospitante moltissime specie di uccelli, struzzi e altri animali tipici della zona, immersi nella caratteristica flora, detta fynbos, vegetazione arbustiva inserita dal 2004 tra i Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *